Care famiglie,
Vi invitiamo a partecipare ad una proposta di incontro differente, uno spazio dove a partire dal confronto e l’ascolto possano crearsi momenti di riflessione e condivisione. Vi aspettiamo GIOVEDÌ 3 MAGGIO ALLE ORE 17.30, nella SALA DEGLI AFFRESCHI della Sede di Sarria.

Per favore, chi dovesse avere bisogno del servizio sorveglianza può scrivere una mail all’indirizzo ampascuolamontessori@gmail.com indicando: sorveglianza 3 Maggio e nome del bambino/a/i da voler iscrivere.

Ricordiamo che il costo è di 1 euro per i soci e di 7 euro per i non soci.

CONTENUTO della PROPOSTA:

La nostra proposta è quella di offrire ai genitori uno spazio di riflessione, approfondimento ed elaborazione di tutte quelle sensazioni, pensieri ed emozioni che possano essere suscitate dal “rumore” e dal “silenzio”. Non solo come condizione ambientale sonora data, ma principalmente come autori stessi del “fare rumore” o “fare silenzio”.

Cosa possiamo dirci rispetto al rumore e rispetto al silenzio? Che cosa rappresenta il rumore? Chi fa più rumore? E chi invece preferisce il silenzio al rumore? E perchè?

Fare rumore ad un concerto o ad una festa non solo è tollerabile ma persino auspicabile in quanto espressione della buona riuscita della manifestazione. All’opposto, durante la celebrazione di una messa, ad una lezione in classe o ad un funerale il rumore risulterebbe elemento distonico e disturbante. Vorremmo tuttavia provare ad andare oltre il che cosa sia più adeguato o giusto tra rumore e silenzio nei vari contesti, chiedendoci cosa ci sia dietro la manifestazione del rumore o la richiesta del silenzio, lasciando emergere nuovi scenari che possano aiutarci ad armonizzare al meglio le due complementari modalità sonore, espressione di più o meno profonde condizioni umane.

L’associazione culturale OttoCentro di psicoterapia e psichiatria invita pertanto genitori ed insegnanti ad un dibattito su queste tematiche in una modalità aperta e dialogica più sullo stile laboratorio, un confronto basato sulla costruzione di significati che emergono dall’interattivo con il pubblico, piuttosto che una presentazione “scientifica” ed accademica degli argomenti che verranno trattati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.